Angelo Radici, 80 anni di storia dal tessile alla chimica sostenibile | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Angelo Radici, 80 anni di storia dal tessile alla chimica sostenibile

Tutto inizia da Pietro Radici, che percorrendo le strade d'Italia e d'Europa con il proprio calesse carico di coperte, darà vita a una serie di attività produttive che porteranno a RadiciGroup, multinazionale della chimica che fattura 1,1 miliardi. È il 1941 quando in Val Gandino, una stretta vallata abbracciata dalle Prealpi Orobie in provincia di Bergamo Pietro Radici fonda Tessiture Pietro Radici SpA. L'azienda, inizialmente attiva nella produzione di coperte e copriletti, viene in seguito affidata a Gianni Radici, figlio di Pietro, che a partire dagli anni 50 mette in atto un processo di diversificazione orizzontale: dalla produzione di coperte si passa alla produzione di tappeti, tessuti, moquette, tappetini per automobili. Tra il 1960 e il 1970 continua la diversificazione iniziata negli anni 50, con la produzione di polimeri e fibre sintetiche. Oggi con 3.100 dipendenti in 15 paesi operativo nei business della chimica, dei tecnopolimeri, delle fibre e dei non tessuti, RadiciGroup è arrivato alla terza generazione, di cui fa parte Angelo Radici, figlio del Cavaliere del Lavoro Gianni Radici, Presidente del gruppo, che così racconta gli albori dell'azienda.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast